Роман Антонов

Досье Роман Антонов




Адрес: Россия, Москва
Сайт: offline
Следить за пользователем



Нам не известно когда родился Роман Антонов. Нам не известно где родился Роман. За то, мы выяснили, что сейчас он проживает в городе Москва, Россия.


Друзья пользователя:



Скрытые друзья пользователя:


Скрытые друзья еще не проверялись.

Найти скрытых друзей






Вот, что рассказывает Роман о себе:
Ma io saro sotterra in secca selva
     e 'l giorno andra pien di minute stelle
     prima ch'a si dolce alba arrivi il sole.

     Nel dolce tempo de la prima etade,
     che nascer vide et anchor quasi in herba
     la fera voglia che per mio mal crebbe,
     perche cantando il duol si disacerba,
     cantero com'io vissi in libertade,
     mentre Amor nel mio albergo a sdegno s'ebbe.
     Poi seguiro si come a lui ne 'ncrebbe
     troppo altamente, e che di cio m'avvenne,
     di ch'io son facto a molta gente exempio:
     benche 'l mio duro scempio
     sia scripto altrove, si che mille penne
     ne son gia stanche, et quasi in ogni valle
     rimbombi il suon de' miei gravi sospiri,
     ch'aquistan fede a la penosa vita.
     E se qui la memoria non m'aita
     come suol fare, iscusilla i martiri,
     et un penser che solo angoscia dalle,
     tal ch'ad ogni altro fa voltar le spalle,
     e mi face obliar me stesso a forza:
     che ten di me quel d'entro, et io la scorza.
     I' dico che dal di che 'l primo assalto
     mi diede Amor, molt'anni eran passati,
     si ch'io cangiava il giovenil aspetto;
     e d'intorno al mio cor pensier' gelati
     facto avean quasi adamantino smalto
     ch'allentar non lassava il duro affetto.
     Lagrima anchor non mi bagnava il petto
     ne rompea il sonno, et quel che in me non era,
     mi pareva un miracolo in altrui.
     Lasso, che son! che fui!
     La vita el fin, e 'l di loda la sera.
     Che sentendo il crudel di ch'io ragiono
     infin allor percossa di suo strale
     non essermi passato oltra la gonna,
     prese in sua scorta una possente donna,
     ver' cui poco gia mai mi valse o vale
     ingegno, o forza, o dimandar perdono;
     e i duo mi trasformaro in quel ch'i' sono,
     facendomi d'uom vivo un lauro verde,
     che per fredda stagion foglia non perde.
     Qual mi fec'io quando primier m'accorsi
     de la trasfigurata mia persona,
     e i capei vidi far di quella fronde
     di che sperato avea gia lor corona,
     e i piedi in ch'io mi stetti, et mossi, et corsi,
     com'ogni membro a l'anima risponde,
     diventar due radici sovra l'onde
     non di Peneo, ma d'un piu altero fiume,
     e n' duo rami mutarsi ambe le braccia!
     Ne meno anchor m' agghiaccia
     l'esser coverto poi di bianche piume
     allor che folminato et morto giacque
     il mio sperar che tropp'alto montava:
     che perch'io non sapea dove ne quando
     me 'l ritrovasse, solo lagrimando
     la 've tolto mi fu, di e nocte andava,
     ricercando dallato, et dentro a l'acque;
     et gia mai poi la mia lingua non tacque
     mentre poteo del suo cader maligno:
     ond'io presi col suon color d'un cigno.
     Cosi lungo l'amate rive andai,
     che volendo parlar, cantava sempre
     merce chiamando con estrania voce;
     ne mai in si dolci o in si soavi tempre
     risonar seppi gli amorosi guai,
     che 'l cor s'umiliasse aspro et feroce.
     Qual fu a sentir? che 'l ricordar mi coce:
     ma molto piu di quel, che per inanzi
     de la dolce et acerba mia nemica
     e bisogno ch'io dica,
     benche sia tal ch'ogni parlare avanzi.
     Questa che col mirar gli animi fura,
     m'aperse il petto, e 'l cor prese con mano,
     dicendo a me: Di cio non far parola.
     Poi la rividi in altro habito sola,
     tal ch'i' non la conobbi, oh senso humano,
     anzi le dissi 'l ver pien di paura;
     ed ella ne l'usata sua figura
     tosto tornando, fecemi, oime lasso,
     d'un quasi vivo et sbigottito sasso.
     Ella parlava si turbata in vista,
     che tremar mi fea dentro